Fermarsi ovunque

Fermarsi ovunque

Quando sentite il bisogno di un attimo di tregua e di raccoglimento potete praticare la respirazione
cosciente anche senza sedervi sul cuscino. Potete respirare ovunque, seduti alla scrivania o in automobile,
in un negozio pieno di gente o facendo la fila in banca. Se vi sentite irrequieti o senza energia e volete
raccogliervi in voi stessi, potete praticare la respirazione cosciente e il sorriso, restando dove siete.
L’attenzione al respiro è possibile ovunque e possiamo praticarla in qualunque posizione: seduti, in piedi,
distesi e persino camminando. Quando è possibile, comunque, la posizione seduta è la più stabile e quella
che ci consente di acquisire un maggior senso di presenza.
Tenete la schiena ben diritta e gli occhi chiusi, se preferite sedetevi su una sedia con i piedi ben
appoggiati sul pavimento e le mani adagiate sul grembo, le braccia rilassate. Oppure sdraiatevi sul
pavimento con le gambe distese e appena divaricate e le braccia lungo il corpo.
Se nel corso della seduta vi si addormentano le gambe o i piedi, o le tensioni vi impediscono di
concentrarvi, sentitevi liberi di cambiare posizione. Se lo farete lentamente e con attenzione, seguendo il
respiro e ogni movimento del corpo, non perderete la concentrazione neppure per un momento e resterete
nell’attimo meraviglioso di ogni vostro respiro.
(liberamente tratto dagli scritti del monaco buddhista Thich Nhat Hanh)

ABOUT AUTHOR

Maurizio Tamai